Terremoto a Cosenza, magnitudo 4.4

Tre scosse di terremoto hanno fatto tremare la Calabria nel pomeriggio del 24 febbraio, intorno alle 17, per il momento non è stato segnalato alcun danno grave.

L’epicentro è stato localizzato a 2 chilometri a est di Rende a una profondità di 10 km. Molta gente nei centri della provincia si è riversata in strada. Numerose chiamate ai Vigili del fuoco per la richiesta di sopralluoghi.

 La prima scossa in mare, la seconda nell’entroterra – nei pressi del comune di Rende, in provincia di Cosenza – e poi una terza di nuovo in mare di fronte alle coste del Tirreno cosentino.

“L’epicentro del sisma è stato a 10 chilometri di profondità, dunque abbastanza superficiale – ha fatto sapere Salvatore Stramondo, direttore della sezione Osservatorio nazionale terremoti – Nei giorni scorsi comunque non è stata registrata alcuna scossa”. La zona interessata tuttavia, quella del cosentino e in particolare della Valle del Crati, “è ad alta pericolosità sismica, e in passato ci sono stati eventi importanti”.  In generale va ricordato che la Calabria è la regione a più alto rischio sismico d’Italia”, ha aggiunto Stramondo.

Al momento non si registrano danni e la polizia municipale è già al lavoro per verificare eventuali crolli.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori