Ti tradisce? Scoprilo con whatsapp

“Da una statistica è risultato che il 50% degli italiani ha una relazione extraconiugale. Sai cosa significa? Che, se non sei tu, è tua moglie!” diceva il caro Luttazzi. Noi di Cultura a Colori siamo  più fiduciosi ma sappiamo che gli italiani sono  un popolo geloso e passionale, infatti assieme a whatsapp è nata la anche la mania di controllare il cellulare e le conversazioni del proprio partner.

Parlando seriamente è normale e quasi inevitabile che la maggior parte dei tradimenti si consumino tramite whatsapp . Alcuni restano solo telematici, altri si traducono in veri e propri tradimenti. Lungi da noi voler giudicare un comportamento, giusto o sbagliato, che sia ma qualora voleste fugare un dubbio riguardante il vostro partner un modo c’è. Qualche anno fa i più furbi utilizzavano due sim, una per il partner e l’altra per l’amante. Con l’avvento delle nuove tecnologie e con gli smartphone basta qualche piccolo accorgimento per non deludere la persona “amata”. Registrare l’altro con un nome diverso non è la scelta più furba ma ad un occhio non molto attento potrebbe passare inosservato. Cancellare le chat è un buon modo. Cancelli ogni traccia della conversazione e nessuno saprà mai se hai parlato con chi non dovevi.  Questo non vale però  per i più gelosi che amano trascorrere molto tempo controllando, più o meno palesemente il cellulare dell’amato.

Come smascherare il malfattore su whatsapp?

Per superare i furbi che cancellano le chat c’è un modo molto semplice. Basta andare nelle Impostazioni del profilo, cliccare sulla voce Utilizzo dati e Archivio e successivamente su Utilizzo archivio. Qui saremo dinanzi ad un vero e proprio storico, con dati aggiornati riguardanti messaggi inviati e ricevuti con ogni contatto della rubrica. In questo modo potrete sapere quanti e che tipi di messaggi il “malfattore” ha cancellato. A quel punto mentire sarà molto più difficile. Saremo molto curiosi di sentire quale scusa creativa inventeranno per giustificarsi.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori