Troppi selfie per il salice del lago Wanaka

E’ uno degli alberi più famosi e fotografati di Instagram ed è stato anche dichiarato Patrimonio dell’Umanità.  Purtroppo però è a rischio a causa dei turisti che, cercando di catturare la foto perfetta, attraversano il lago e si arrampicano sulla pianta rompendone i fragili rami.

Il solitario salice del lago Wanaka è uno degli alberi più fotografati della Nuova Zelanda. Ma tutta questa fama inizia a creargli dei problemi.

Ci sono luoghi nel mondo che, nell’esatto momento in cui vengono conosciuti a livello globale, perdono il loro fascino a causa delle orde di turisti che si recano sul posto, inconsapevoli a volte di arrecare veri e propri danni alla natura.

È il caso del salice nato nel bel mezzo del lago Wanaka, il paesaggio mozzafiato è incastonato tra le montagne del Parco Nazionale di Mount Aspiring, patrimonio mondiale dell’Umanità, e durante le varie ore della giornata assume i colori e le sfumature del cielo riflesse sull’acqua del lago.

La preoccupazione crescente nei confronti della salute di questo albero è dipesa dal fatto che poco prima di natale un fotografo intento a scattarsi foto sul suo tronco, ha rotto uno dei rami.

Come ha spiegato Tim Errington, ufficiale del Queenstown Lakes District Council, “l’albero Wanaka è un Salix fragilis, un nome che deriva proprio dal fatto che il suo legno è molto fragile e facilmente si rompe. Senza considerare che “le sue radici sono spesso totalmente sommerse dall’acqua fredda, cosa che ne rallenta la crescita”.

Se si dovesse subire un ulteriore danno, il Consiglio distrettuale del Queenstown Lakes potrebbe dover esaminare soluzioni più sostanziali al problema delle persone che si arrampicano e danneggiano questo albero davvero unico”, ha dichiarato Errington.

Il New Zealand Tourism Board ha quindi deciso di prendere in mano la situazione e di installare segnali anti-arrampicata intorno all’albero, sperando che questo avvertimento sia sufficiente a fermare il turismo “deturpatore” e a promuoverne uno rispettoso dell’ambiente.

 

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori