Usa: morto Charles Krauthammer, coniò ‘Dottrina Reagan’

Addio al premio Pulitzer Krauthammer, intellettuale provocatore di tendenze conservatrici considerato uno dei più influenti e apprezzati opinion-maker in America.

E’ morto all’età di 68 anni, il premio Pulitzer Charles Krauthammer, sostenitore della Dottrina Reagan (definizione da lui stesso coniata in un famoso articolo su Time Magazine) e in generale di una politica estera muscolare che ha contribuito a gettare le fondamenta ideologiche dell’invasione americana dell’Iraq nel 2003. Il Der Spiegel lo aveva definito “la voce guida degli intellettuali dell’America conservatrice”, mentre il sito Politico nel 2009 lo aveva dipinto come “il leader dell’opposizione…un coerente, sofisticato, implacabile critico del nuovo Presidente” Obama.
Nella campagna per le primarie repubblicane per la Casa Bianca nel 2016 criticò Donald Trump, dichiarando che non avrebbe votato per lui. Ma dopo la vittoria del tycoon dichiarò che essa rappresentava “una rivoluzione ideologica ed elettorale che non abbiamo visto dai tempi di Ronald Reagan”. Dal 1985 teneva una rubrica settimanale sul Washington Post, con cui ha vinto il Pulitzer nel 1987. Volto televisivo molto noto soprattutto sulla Fox, ha scritto anche per altre riviste, tra cui Time, the New Republic, the Weekly Standard e the National Interest foreign policy journal. A seguito di un intervento chirurgico nell’agosto 2017, si era ritirato dal lavoro giornalistico. L’8 giugno 2018 Krauthammer aveva pubblicato sul Washington Post una commovente lettera d’addio ai suoi lettori, al pubblico, ad amici e colleghi.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori