VIDEO – Cina, arriva il giornalista virtuale

“Salve a tutti, sono un conduttore di news artificiale in lingua inglese. Questo è il mio primo giorno all’agenzia Xinhua”, ha detto all’esordio sul piccolo schermo. ” 

Lavorano 24 ore al giorno, non mostrano segni di stanchezza e non sbagliano mai a leggere le notizie. Sembra un giornalista vero, in realtà è un prodotto digitale creato in Cina dall’agenzia Xinhua e dal motore di ricerca Sogou. Le sue sembianze sono identiche a quelle di Zhang Zhao, che è un anchor man reale. Le espressioni del viso di questo robot giornalista simulano quelle di un essere umano ed è difficile accorgersi delle differenze.

L’alter ego virtuale legge le notizie, sbatte le palpebre e muove la testa: “Salve a tutti, sono un conduttore di news artificiale in lingua inglese. Questo è il mio primo giorno all’agenzia Xinhua”, ha detto all’esordio sul piccolo schermo. E ha aggiunto: “Lo sviluppo dell’industria dei media richiede continua innovazione e una profonda integrazione con le avanzate tecnologie internazionali”.

L’agenzia Xinhua usa già robot per la stesura di testi di brevi news on line, ad esempio per riferire la chiusura delle quotazioni monetarie, anche se sotto la supervisione di un editor umano. Gli alter ego virtuali, insomma, non possono prendere il controllo della redazione. Almeno per il momento…

L’obiettivo che si voleva raggiungere, ha spiegato la Xinhua, era quello di creare “un’immagine che sembri umana, invece di un freddo robot”. Addirittura, i creatori si spingono a dire che “i giornalisti virtuali sono di fatto diventati membri del corpo redazionale”.

Ma l’arrivo del conduttore artificiale ha scosso il pubblico: sui social media cinesi c’è chi lo ha definito “spaventoso”, e chi ha detto che “mette i brividi” a vederlo.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori