Papà Di Maio, “Abusivi quattro fabbricati su cinque”, al posto della stalla una piscina

Ecco sbucare una piscina tra le immagini satellitari dei terreni del padre del vice premier, proprio dove Di Maio ricordava ci fosse una piscina. Il padre Antonio Di Maio in un video: “Luigi non sapeva, non ha colpe.Sbagliai a prendere lavoratori in nero”.

A smascherare tutto un’inchiesta de “Le Iene”. Dai documenti ufficiali risulta che dal 2006 il padre del vicepremier, Antonio, non compare più come titolare dell’azienda. Da quell’anno nasce infatti la ditta individuale Ardima Costruzioni intestata alla madre di Di Maio, Paolina Esposito. Solo nel 2014, poi, l’azienda sarà ceduta ai due figli, Luigi e Rosalba, sorella del leader M5S. Tra il 2006 e il 2013, tra l’altro, la madre di Di Maio era anche insegnante e secondo la legge non avrebbe potuto essere titolare di una ditta individuale. Non solo, ma nel 2010, sui terreni di Mariglianella, di proprietà di Antonio Di Maio, Equitalia ha iscritto un’ipoteca del valore di oltre 300mila euro.Matteo Renzi, senatore del Pd, interviene: «Se ha scelto – dopo essere stato eletto – di fare il prestanome al padre dovrà spiegare il perché in Parlamento».

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori