Raggi: “Ho sbagliato con Marra, lavoro per la crescita di Roma”

A distanza di mesi, la Sindaca di Roma Virginia Raggi ha parlato di nuovo in tv. La prima cittadina romana, nel corso del programma DiMartedi, in onda su La7 e diretto da Giovanni Floris, ha chiarito punto per punto tutti i problemi della sua amministrazione, ha detto la sua sui fratelli Marra, Frongia e Romeo, ha parlato del rapporto con Grillo e del fatto che, nonostante tutto, si rivoterebbe.

IL CASO MARRA –Marra aveva un curriculum di tutto rispetto, era un ufficiale della Guardia di Finanza, plurilaureato con due onorificenze ottenute dal presidente della Repubblica, tuttavia ho commesso io un errore a dargli fiducia, ho fatto un gravissimo errore di valutazione. Ho sentito dire che il caso Marra ha provocato divisioni, ma io questo spaccamento non l’ho mai visto. Ci siamo presi l’onore di rialzare Roma da una situazione difficile e stiamo ricostruendo tutto insieme a consiglieri e parlamentari. Roma deve cambiare e qualcosa lo stiamo già facendo. Grillo non mi ha mai chiesto di lasciare o di fare passi indietro”

SU FRONGIA E ROMEO –Loro si sono dimessi in seguito all’esito della vicenda Marra, si sono resi conto che la loro presenza avrebbe potuto essere considerata un problema politico e per tutelare il movimento hanno fatto entrambi un grande passo indietro. La scelta di Renato Marra come direttore del dipartimenti del turismo, invece, è stata una scelta avallata da assessori e consiglieri”.

LA CRESCITA DI ROMA –Quando sono stato eletto Sindaco di Roma è come se mi fossi seduta in una macchina priva di un blocchetto di accensione, volante, pedali e cambi. La macchina amminsitrativa di Roma è uscita a pezza da Mafia Capitale, ci sono stati sbagli, ho commesso errori di valutazione, ma adesso tutti insieme stiamo ricostruendo Roma per la sua crescita. In passato abbiamo avuto amministrazioni che hanno promesso grandi opere, alcune neanche finite, ma che hanno gravato di debiti importanti la nostra città. Credo che si debba iniziare prima dal necessario, magari fare opere di manutenzione stradale serve più di inaugurare un’altra città dello Sport”.

Alla fine Floris ha chiesto alla Raggi se si rivotasse e la Sindaca ha cosi risposto “Certo che si. Non si può giudicare qualcuno senza aver dato loro del tempo e delle possibilità”.

 

Share This:

Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori