Dopo lo scandalo del 2015, che ha visto coinvolto il gruppo Volkswagen riguardo un software che alterava i valori di emissione durante i test di omologazione mentre nell’uso normale i valori erano di molto superiori ai limiti di legge, adesso secondo il tabloid tedesco Bild am Sonntag gli investigatori americani avrebbero scoperto che anche le Mercedes-Benz a gasolio erano dotate di un programma informatico che potrebbe averle aiutate a superare i test sulle emissioni.

I documenti ricevuti dal giornale tedesco parlano di un software che disattiva il sistema di controllo sulle emissioni dopo 26 chilometri di marcia.

Fino a ora la Daimler, il gruppo tedesco a cui fanno capo fra gli altri i marchi Mercedes-Benz e Smart, non ha risposto allo scoop del tabloid di casa, ma chi di dovere ha assicurato di essere disposta, nel caso, a collaborare con le autorità statunitensi.

Share This:

Di Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori