Vomero, 1.400 like su Facebook per la riapertura del Collana

Vomero, 1.400 like su Facebook per la riapertura del Collana al link https://www.facebook.com/ridatecilostadiocollana/.Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, a seguito della grave situazione determinatasi per il polisportivo Arturo Collana, nel quartiere Vomero, per sensibilizzare ulteriormente le istituzioni interessare alla soluzione, in tempi rapidi, dell’annoso problema, anche al fine di evitare un presumibile ulteriore peggioramento delle condizioni dell’impianto, ha rilanciato sul social network Facebook un’apposita pagina dal titolo ” Restituite il polisportivo Arturo Collana ai cittadini ” al link:https://www.facebook.com/ridatecilostadiocollana/ invitando tutti gli interessati a dare un proprio contributo al fine di dirimere definitivamente l’intricata matassa e consentire così la riapertura dell’impianto dopo, ovviamente, i necessari lavori per garantirne la sicurezza.

” Nella lunga quanto inaccettabile querelle sull’affidamento della gestione dell’impianto – scrive nella presentazione della pagina Capodanno -, gli unici che stanno pagando un prezzo salato sono i napoletani privati di uno dei pochi impianti sportivi pubblici presenti sul territorio cittadino, con particolare riferimento agli ottomila atleti che ogni giorno utilizzavano le strutture dell’antico stadio vomerese, da tempo dichiarato inagibile e dunque chiuso “.
” A questo punto – conclude Capodanno – la parola passa alle istituzioni preposte che ci auguriamo vogliano tenere conto delle numerose sollecitazioni che provengono, da diverso tempo a questa parte, dalla società civile per trovare una soluzione definitiva nel rispetto delle norme vigenti, finalizzata a riaprire e a rilanciare lo storico impianto, sul cui campo, in passato e per diversi anni, ha giocato anche la squadra del Napoli e che negli ultimi anni ha ospitato anche la squadra di calcio femminile cittadina “.

Comunicato Stampa

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori