Weekend da bollino nero, consigli per una partenza “intelligente”

Data l’emergenza sanitari, quasi tutti gli Italiani hanno deciso di restare nel Bel Paese. Cosi, anche se per pochi giorni, ci si sposta in macchina congestionando il traffico.

Secondo la polizia stradale questo sarà il weekend più “nero” in cui partire.

Aumento di traffico soprattutto nella A22 lungo l’intera tratta, e in particolare nelle uscite che conducono alle località turistiche montale. Anche nell’A4 si potrà assistere a un aumento delle code, soprattutto nelle vicinanze delle uscite per Milano, e tra Sommacampagna e l’allacciamento con la A22, tra Padova e Quarto d’Altino.

In Liguria e in Piemonte a spaventare maggiormente sono la A6 nella tratta tra Torino e Savona, l’A8 e l’A9 al confine con la Svizzera, A12 tra Genova e Viareggio; A15 tra Parma e La Spezia. È prevista un’intensificazione del traffico anche sullo snodo di Bologna e su quello di Firenze, e tra Roma e Cassino oltre che su tutte le arterie che conducono alle mete turistiche più gettonate.

Per quanto riguarda la Sicilia invece la Polizia rende noto che nel tratto della A19, che collega Palermo a Catania sono dislocati 26 cantieri per la riqualificazione dell’autostrada e la manutenzione straordinaria, proprio per questo motivo potrebbero esserci code o rallentamenti.

Fortunatamente è possibile evitare il traffico e ridurre la permanenza nelle code. Ai caselli autostradali ad esempio è preferibile utilizzare il Telepass, questo permetterà di evitare le file in entrata e in uscita soprattutto nelle zone più congestionate.

Un altro consiglio per evitare il traffico è quello di utilizzare la tecnologia, e in particolare le applicazioni per lo smartphone. Diverse app infatti permettono di monitorare il traffico in tempo reale e forniscono dei percorsi alternativi più rapidi e meno congestionati, come Waze e Google Maps. È preferibile inoltre partire molto presto la mattina, in modo da evitare gli ingorghi che naturalmente si formano negli orari di punta.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori