Dal Grinch a Christmas Carol, allietare le nostre feste con i film di Natale

Il Natale è ormai alle porte, ma ogni anno ci sono delle tradizioni che vanno sempre rispettate. Fra le tante c’è la visione di alcuni film che, come dei Musts, accompagnano le nostre vacanze fra una portata e l’altra, allietando i nostri giorni di festa. La nostra redazione, oltre che nell’augurarvi serene festività, prova cosi ad elencarvi i migliori titoli che hanno come sfondo questa importante ricorrenza.

Nella categoria Cinepanettone, una menzione merita sicuramente “Vacanze di Natale ’95”, un film di Neri Parenti con un cast composto da Massimo Boldi, Cristian de Sica e Cristiana Capotondi, che narra la storia di due famiglia che si ritrovano in America per svariati motivi e che saranno legate da una lunga serie di disavventure. E’, forse, il Cinepanettone più visto sia in Italia che all’estero.

Come film stranieri, ci sentiamo di consigliarvi il “Grinch”. D’altronde, un Natale senza Grinch non è Natale. Il film, prima ancora era un libro, narra la storia di un nano peloso che si diverte a rendere il Natale tristi ai bimbi distruggendo i loro regali, salvo poi incontrare una ragazzina che gli insegnerà sentimenti. “Il Miracolo nella 34esima strada”, diretto da George Seaton, narra invece le vicende di un Babbo Natale protagonista di una storia più grande di lui e che finisce in un impiccio fra l’azienda per cui lavora e delle udienze in tribunale prima di combinare, all’oscuro di tutti, un matrimonio.

Fra i film di animazione, la nostra redazione consiglia “A Christmas Carol” , un film di Zack Zemeckis che  narra la storia di un vecchio ed avaro cambiavalute che muta la propria condizione – un pò come il Grinch – e le proprie idee dopo aver fatto l’incontro di alcuni spiriti che gli mostrano le sue continue cattiverie ed il suo egoismo. Il film mette in evidenza, nonostante sia un cartone animato, uno spaccato dell’esistenza umana: egoismo e cattiveria, in molte occasioni, possono essere accantonate in nome della carità e della fratellanza, anche dopo un attento esame di coscienza.

Fra i film ora in uscita, segnaliamo “Natale al Sud”, con un cast d’eccezione composto – fra gli altri – da Massimo Boldi, Biagio Izzo e Anna Tatangelo e che narra la storia di due ragazzi di rispettabili famiglie che hanno conosciuto l’amore sui social network, mentre Fuga da Reuma Park”, un film del trio Aldo, Giovanni e Giacomo, non ha una vera e propria trama ma narra le vicende di tre protagonisti che, abbandonati a se stessi il giorno di Natale, decidono di trascorrere la festività al Reuma Park, una casa di risposo improvvisata in un Luna Park.

Ma che Natale sarebbe senza “Natale in Casa Cupiello”, famosissima commedia scritta dal grande Eduardo de Filippo nel 1931? Scritta in un unico atto, poi divenuti tre di cui il primo e il terzo sono un Prologo ed un Epilogo, la commedia è un continuum di risate, disavventure, incomprensioni, in cui la figura centrale è quella di un Presepe che il protagonista – Luca, il capo famiglia – prepara in maniera maniacale, con la presenza di moglie, figli e genero che fanno da cornice a situazioni che si vivono tutti i giorni. Un triangolo amoroso, i battibecchi in famiglia e l’intero vicinato al capezzale del protagonista ormai in punto di morte sono i punti cardine su cui verte la commedia più famosa scritta dall’indimenticabile de Filippo.

Share This:

Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori