Elezioni americane, nonostante il video sessita Trump recupera punti sulla Clinton

Si avvicinano sempre di più le elezioni americane. Manca meno di un mese e la battaglia per raggiungere la Casa Bianca è ormai ristretta ad una corsa a due:  Hillary Clinton, moglie dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill, e Donald Trump, imprenditore multimilionario dai dubbi modi di porsi e candidato del Partito Repubblicano. Chi prenderà il posto di Barack Obama e cosa accadrà il prossimo 8 novembre, quando si terranno le elezioni per decretare il nuovo Presidente? Non ci è dato saperlo, ma nel frattempo sta accadendo veramente di tutto. Un esempio è lo scandalo sessista di questi giorni che ha sconvolto la vita di Trump. Tutto è iniziato nel weekend appena trascorso, quando  sul web  è apparso un video del 2005, dove il repubblicano fa  apprezzamenti pesanti e volgari sulle donne.

 

Andiamo per ordine. La sera di lunedì 26 settembre, quando cioè in Italia erano le prime ore del martedì, c’è stato il primo dibattito televisivo tra Clinton e Trump, stravinto dalla candidata del Partito Democratico. L’altra notte, invece, è andato in scena il secondo confronto, dove Trump sembra aver recuperato punti sulla rivale.

IL PRIMO DIBATTITO – I temi affrontati due settimane fa nel primo dibattito sono stati molti. L’economia, la storia della mail in cui sembra implicata la Clinton, tasse, investimenti, le questioni razziali che perdurano ancora in America, il “birtherism”, la politica estera e l’ISIS, gli attacchi informatici e il ruolo delle donne. Il candidato del Partito Repubblicano, eccetto che in campo economico, è sembrato in difficoltà su tutte le altre questioni, interrompendosi spesso durante i suoi momenti e contraddicendosi con quanto fatto o detto da sè stesso in passato. Il confronto, andato in scena a New York, ha visto la Clinton “dominatrice” della scena.

IL SECONDO DIBATTITO – Domenica 9 ottobre in serata, ossia alle prime ore del lunedi italiano,  è andato in scena invece, il secondo dibattito fra i due contendenti alla Casa Bianca. I sondaggi della CNN hanno visto ancora avanti la Clinton ma, rispetto alla prima uscita, la vittoria non è stata schiacciante. Trump infatti, le ha tenuto testa senza molte difficoltà. Il dibattito della scorsa notte, tenutosi a St.Louis, nel Missouri, è stato un testa a testa con attacchi personali continui, su entrambi i fronti.

Trump si è dovuto difendere dalle accuse sessiste e lo ha fatto in parte accusando Bill Clinton che, a differenza sua sarebbe stato un vero molestatore di donne. A tal proposito,  Clinton ha preferito non rispondere alle accuse rivolte al suo ex marito. Il dibattito, poi, si è spostato ancora sulla questione delle mail private della Clinton, con Trump che si è detto pronto ad indagare qualora egli diventasse presidente degli Stati Uniti d’America.

Il dibattito, che è stato definito come “il più brutto di sempre fra due contendenti alla Casa Bianca”, si è concluso con una domanda a sorpresa. Il pubblico ha infatti chiesto ai due contendenti di trovare un aggettivo positivo per l’altro. La Clinton è stata lodata per il fatto di essere “una donna combattiva che non molla mai”, di Trump, invece, sono stati elogiati i suoi figli.

L’ULTIMO CONFRONTO – Fra meno di un mese l’America sarà chiamata al voto. L’ultimo dibattito fra la Clinton e Trump andrà in scena il prossimo 19 ottobre in Nevada e, nonostante i sondaggi diano sempre la Clinton favorita, una schiacciante maggioranza sembra ancora non esserci.

Share This:

Giuseppe Secondulfo

Mi chiamo Giuseppe Secondulfo e sono uno studente laureando in lingue e letterature straniere presso l’Università di Napoli l’Orientale. Amo scrivere di calcio, reportages, e di attualità estera di cui sono un grandissimo appassionato. Nel tempo libero amo leggere, guardare documentari sull’arte, la cucina, approfondire la conoscenza delle lingue straniere e viaggiare. Sono un appassionato, oltre che del calcio, anche di tennis e di basket.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

Cultura a Colori