Conto alla rovescia per l’appuntamento in programma al teatro Trianon domani, domenica 7 novembre, alle 18.

Si tratta dello spettacolo Duje paravise, canzone napoletana del 1928 musicata da E. A. Mario, <<duje viecchie prufessure ‘e cuncertino>> esaltano l’incanto e la bellezza della musica e della città partenopea, al cospetto di san Pietro e di tutti i santi, entusiasti e meravigliati ascoltatori. Gianni Conte, voce solista dell’Orchestra italiana di Renzo Arbore, e Mariano Caiano, altra voce e jolly dello stesso ensemble, hanno ripreso questo titolo per questo concerto fra le trame armoniche e melodiche della canzone classica e contemporanea napoletana.

Lo spettacolo si pone in ideale continuità con la rassegna “Napoli, musica per il mondo”, in particolare con il concerto “Conte… un piano per Napoli”, promosso dalla Fondazione Banco di Napoli svoltosi lo scorso 27 settembre.

Si è trattato di un lungo viaggio in musica a perdifiato.

“Contrariamente a quanto accaduto in altri concerti – racconta Gianni Conte – in questo non vi sono state interruzioni all’insegna del racconto, perchè Napoli non va raccontata, bensì vissuta attraverso le sue atmosfere trasfuse in musica”.

Ad ognuno, dopo, la possibilità di scrivere il proprio personale racconto intessuto di emozioni.

La scaletta della serata del 27 settembre

– Nuttata ‘e sentimento (Alessandro Cassese – Giuseppe Capolongo)

– Marechiare (Salvatore Di Giacomo – Francesco Paolo Tosti)

– Don Raffae’ (Fabrizio De Andrè)

– Tutta pe’ me (Francesco Fiore – Gaetano Lama)

– Scapricciatiello (Pacifico Vento – Ferdinando Albano)

– Canzone appassiunata (E. A. Mario)

– Dicitencello vuje (Enzo Fusco – Rodolfo Falvo)

– Core napulitano (Umberto Martucci – Luigi Ricciardi)

– Guapparia (Libero Bovio – Rodolfo Falvo)

– Tu vuo fa’ l’americano (Nisa – Renato Carosone)

– Filume’ (Attilio Stellato – Gianni Conte)

– Era de’ maggio (Salvatore Di Giacomo – Mario Pasquale Costa)

– Cu me (Enzo Gragnaniello)

– Napul’è (Pino Daniele)

– Simmo ‘e Napule… paisà… (Peppino Fiorelli – Nicola Valente).


Bis:  

  • I’ te vurria vasa’ (Vincenzo Russo – Eduardo Di Capua, Alfredo Mazzucchi)
  • Funiculì funiculà (Giuseppe Turco – Luigi Denza)

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori