La serie tratta dal bestseller di Elena Ferrante, “L’amica geniale”, ha debuttato con 7 milioni di telespettatori con il 29.3% di share.

I primi due episodi della maxi produzione, realizzata da Lorenzo Mieli e da Marco Gianani per Wildside e da Domenico Procacci per Fandango, in collaborazione con Rai Fiction, HBO Entertainment e TimVision, hanno raccontato i primi anni dell’amicizia tra Lila e Lenù, interpretate da bambine dalle sorprendenti Ludovica Nasti ed Elisa del Genio, compagne e rivali nella Napoli degli anni ’50, tra riti di iniziazione, speranze, voglia di crescita e fuga dalla ferocia del rione.

La serie televisiva dell’anno e’ “una bella botta emotiva”, secondo il magazine Rolling Stone che ha applaudito senza riserve la produzione di eccellenza Hbo-Rai Fiction con Timvision, realizzata da Wildside e Fandango e con il premio Oscar Paolo Sorrentino produttore esecutivo. Per il settimanale “New Yorker” le otto puntate dirette da Saverio Costanzo e ispirate al best-seller mondiale di Elena Ferrante, sono “uno spot di Prada sul malessere della classe operaia ma con accenti di umile tenerezza”. Il “New York Times”, che definisce la serie di Costanzo “un intimo poema epico”, apprezza il lavoro di Costanzo in Italia: “L’adattamento e’ fedele, ma non servile”

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori