“Tammorra, no Gomorra”: il 1 ottobre a Scampia Festa della Tammorra in memoria di Ciro Esposito

C.S.

Nell’ambito del progetto “Valorizzazione delle periferie” il 1 ottobre, alle 20, in piazza Ciro Esposito a Scampìa, si terrà l’evento “Tammorra, no Gomorra”, promosso dall’associazione Ciro Vive per il rilancio del territorio a nord di Napoli.

A farsi promotrice dell’iniziativa è Antonella Leardi, madre di Ciro Esposito (il tifoso azzurro morto in seguito agli scontri fuori all’Olimpico il 3 maggio 2014) e presidente della onlus nata in sua memoria. 

«La nostra associazione sente l’esigenza di contribuire a far emergere le qualità positive del territorio di Scampìa e dei suoi abitanti – spiega mamma Antonella -. Un quartiere dove ogni sera, a partire dalle 20, cala ogni attenzione, c’è il coprifuoco, si spengono le luci e i cittadini si chiudono tra le mura di casa perchè non ci sono luoghi d’incontro per giovani, bambini ed anziani. Di conseguenza questo, come altri territori, sono spenti e non vivono. Eppure le periferie sono territori ricchi di parchi, di verde, di spazi, di strutture sportive, biblioteche, teatri e soprattutto di cittadini onesti e lavoratori».

In quest’ottica e nel contrasto alla dispersione sociale, nella lotta alla violenza, nella sensibilizzazione alla legalità e contro l’evasione scolastica, l’associazione Ciro Vive presenta il progetto “Tammorra, no Gomorra”, il cui scopo è quello di riqualificare il territorio attraverso la musica, il ballo ed i canti della Tammorra, che è parte della cultura popolare napoletana. Nella manifestazione sono state coinvolte le associazioni, i comitati e i commercianti dell’ottava Municipalità, che avranno ciascuno un gazebo. Gli stand saranno allestiti con la vendita a prezzi popolari di prodotti tipici napoletani e altri ricavati dalla coltivazione della terre confiscate alla camorra. Il ricavato della serata sarà devoluto in parte per un progetto sociale di rilancio del territorio di Scampìa.

 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

Cultura a Colori