Ancora sorge il sole

Musica e spettacolo in scena per costruire una scuola nella repubblica centroafricana del Benin e ricordare i tre ragazzi di Caivano morti tragicamente due mesi fa in un incidente stradale. Si è tenuto mercoledì scorso 27 aprile, al teatro Caivano-Arte, l’evento “Ancora sorge il sole”, presentato dai giornalisti Antonio D’Ascoli ed Emanuela Belcuore, un concerto curato da Pasquale Romano.La manifestazione sociale è stata promossa da Pina Pascarella, insegnante e presidente dell’associazione “Donare è…amore”, con il supporto di “Sveglia Caivano”, “Un’Infanzia da vivere” con il patrocinio del Comune di Caivano. 

In sala, oltre a circa 500 alunni delle scuole (Bruno Ciari, 3^ Circolo, Milani e Marco Polo-Galileo Galilei di Cardito) presenti i genitori di Enzo, Genny e Luigi, il console del Benin a Napoli, il sindaco Monopoli, l’ex assessore Nunzia Orefice, l’imprenditore e politico Nino Navas, il direttore del 3^ circolo didattico ed ex assessore Bartolomeo Perna.

“Il nostro obiettivo è raccogliere fondi per la costruzione di una scuola nella Repubblicana del Benin– spiega l’organizzatrice Pina Pascarella – dove ci sono bambini che vanno a scuola ogni mattina percorrendo 20 km a piedi e non possono acquistare nemmeno una penna; da otto mesi ho sposato questo progetto, ringrazio gli imprenditori, le associazioni e le scuole che oggi sono giunte qui, un’aula di questa scuola in Africa sarà dedicato ai tre angeli che sono in cielo, oggi idealmente abbiamo messo la prima pietra”.

Il console del Benin a Napoli Giuseppe Gambardella ha detto “è un giorno importante, la Campania ed il napoletano è stata sempre molto solidale verso chi soffre, il 27 maggio faremo la serata di galà per ringraziare chi ha contribuito a costruire il modulo scolastico, speriamo che queste iniziative facciano risvegliare le coscienze per regalare un sorriso ai bambini africani che soffrono quotidianamente”.

Per l’imprenditore Nino Navas: “Il mio pensiero è che spesso chi ha più bisogno aiuta di più chi ha bisogno, la gente del Parco Verde di ha un cuore veramente enorme”.

Infine, il padre di Enzo Cicatiello, il calciatore deceduto qualche mese fa, è apparso tanto emozionato da riuscire a dire poche parole:

“Mi è sembrata subito una cosa bellissima beneficenza per i bambini che soffrono e ricordare mio figlio, Genny e Luigi, ringrazio perciò tutti per quello che stanno facendo”.

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

Cultura a Colori