Bellini di Napoli: “Shakespeare in love (With Marlowe)”, un amore chiamato teatro

Solo due attori, ma molti volti che si alternano nel raccontare una meravigliosa storia d’amore, fatta di e per il teatro. La parola chiave dello spettacolo in scena al Piccolo Bellini di Napoli dall’8 al 13 novembre è “stupire”!

14992031_10211014618310820_4126522962989291487_n-1“Shakespeare in love (with Marlowe)” è un percorso d’amore attraverso due vite, che in realtà sono lo specchio riverso l’una dell’altra. Un circolo vitale fatto di gioventù e vecchiaia. Lettura e rilettura di un’invenzione scenica a cui danno sfogo un eccezionale Ennio Coltorti e suo figlio Emiliano Jesus Coltorti.“Shakespeare in love (with Marlowe)” di Vittorio Cielo, racconta la storia/leggenda dell’incontro e dell’amicizia tra due grandi della letteratura inglese, William Shakespeare e Christopher Marlowe. A fare da sfondo una scena minimale, costruita sulla rappresentanza di pochi oggetti posti nello spazio a stabilire i confini ora dello studio di Marlowe, che dopo poco diventa la stanza del Lord Ciambellano, fino a trasformarsi infine, nella corte di Elisabetta I.

Lo spettatore, affascinato dalla maestria degli attori, riesce a fare così un salto temporale nella storia. Il ritmo della 14993317_10211014615590752_5363518373124911435_nmessa in scena è serrato, il pubblico non ha segni di cedimento o stanchezza, anzi ad ogni battuta pare ne voglia sempre di più! Seguire le gesta degli unici due interpreti diventa un piacere. Le interpretazioni di entrambi sono fini ed eleganti, così come i dialoghi a tratti ironici con una punta di satira, ma allo stesso tempo sanno lasciare spazio alla tragedia e al dolore. Un spettacolo che sa ricordare momenti fondamentali della storia dell’uomo e che a tal proposito lascia spazio anche per pensare ad esempio alla vita di Galileo Galilei.

thumbnail_dsc_1135Uno spettacolo quello scritto da Vittorio Cielo che vuole però anche mostrare il lato misterioso dei due scrittori padri del teatro moderno. Non si tratta di un’indagine vera e propria, ma di voci sul probabile rapporto con i servizi segreti di allora e come conseguenza i tradimenti da parte di chi ritenevano persone fidate. Così si alternano la voce dell’anziano a quello del giovane Shakspeare, vero superstite della vicenda. Molte volte l’ anziano si chiede se Marlowe fosse una spia, per poi interrogarsi anche sulla sua condizione a tale merito. Londra, intanto, è una città devastata. Prima la guerra, poi la peste, che ha fatto chiudere i teatri e ha creato tumulti nella capitale. Una pièce ben fatta, che mostra il rapporto ed il rispetto tra i due scrittori Marlowe e Shakespeare. Un rapporto sentimentale ed impulsivo di due anime differenti, ma quasi complementari, pronte ad affrontare gli ostacoli che la vita gli pone davanti, usando il loro amore per il teatro, la scrittura e la vita tutta in particolare.

8 novembre 2016, ore 21:00

Piccolo Bellini

Shakespeare in love (with Marlowe)

di Vittorio Cielo

con Ennio Coltorti e Emiliano Jesus Coltorti

regia Ennio Coltorti

produzione TTR  Il Teatro Russo

 

Foto dalla pagina fb di Ennio Coltorti e parte inviate dall’ufficio stampa del teatro Bellini di Napoli

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

Cultura a Colori