Le periferie tradizionalmente sono associate al margine, alla trascuratezza, ai non luoghi come direbbe Marc Augè.

Da qualche anno vengono perpetrati tentativi di rivitalizzarle, congiungendole al centro e invertendo un flusso che di solito procede verso le zone centrali delle megalopoli, quale centro propulsore di attività ludico-culturali e di bellezza.

Processi educativi e sociali che a volte divengono slogan politici, altre volte rimangono sottaciuti, facendo prevalere un ciarlare polemico o negativo, come sottolineano gli addetti ai lavori .

Dall’esperienza pluriennale maturata sul terrirorio nasce il progetto Periferia Giovane finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale – e a cura della cooperativa sociale La Gioiosa , nel ruolo di soggetto attuatore. Il patrocinio è concesso dal Comune di Napoli – VIII Municipalità, che comprende i quartieri di Piscinola, Marianella, Chiaiano, Scampia, area molto ampia, cui il progetto si rivolge, nella periferia nord di Napoli.

Un territorio molto popoloso e complesso, ricco di contraddizioni sociali e culturali, alimentate da alcuni modelli sociali distorti, con una cospicua percentuale di giovani immigrati e un elevato disagio legato a fenomeni di dispersione scolastica e disoccupazione.

Il progetto si inserisce nel percorso tracciato nel corso degli anni dalla cooperativa la Gioiosa, attiva sul territorio in maniera tenace e costante, attraverso il tempo, e capitalizza l’esperienza del progetto Percorsi d’arte che ha fatto confluire sul territorio di Forcella, nel 2013, 200.000 euro, trasformatosi in percorsi strutturati. I laboratori di cultura hip hop valorizzano le passioni e il talento giovanili trasformandoli in competenze sistematiche: break dance, djing, writing, canto. 

A queste si affianca il corso di informatica finalizzato al conseguimento della certificazione Eipass e quello di fotografia professionalizzante. “Si tratta di corsi – evidenzia Pino Miraglia – che oltre a delineare un possibile futuro lavorativo servono ad ampliare gli orizzonti spesso coattivamente ristretti dal contesto, facendo assumere consapevolezza di possibilità e potenzialità, finalizzando predisposizioni, offrendo scelte diversificate”.

Ne è esempio il corso sulla comunità  europea, che illustra opportunità occupazionali e mobilità sul territorio rese possibili da questa cittadinanza che si affianca a quella nazionale.

In collaborazione con gli istituti tecnici Aganoor Marconi, Galileo Ferraris e Vittorio Veneto si svolge, poi, il laboratorio di teatro sociale, finalizzato a raccontare storie che mettano al centro, in particolare, la differenza di genere, ma anche il cineforum Lo sguardo altro

I potenziali fruitori dei percorsi  formativi sono giovanissimi e giovani adulti tra i 14 e i 35 anni, che sono nel 70% dei casi anche docenti, in maniera circolare e costruttiva.

“Questo progetto – prosegue il coordinatore – pone l’attenzione sulla periferia, strappandola al silenzio e all’incuria, di chi ne parla poco e troppo spesso male” 

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura a Colori