Usa, la politica isolazionista è finita ma non quella sanzionatoria

La politica isolazionista degli Usa finisce con l’elezione di Biden ma continua quella sanzionatoria. Lo scontro con la Russia di Putin ha fatto vedere cosa non cambierà mai.

Politica isolazionista: finisce l’era Trump ma continua la politica sanzionatoria

Rapporti più distesi con la Cina, incrinature con la Russia, senza strappi, ma restano le sanzioni. La nuova politica di Biden non vola poi troppo in alto rispetto a quella di Donald Trump. Vero è che il clima è più disteso soprattutto con gli alleati dell’Ue mentre con la Cina il rapporto resta ambiguo.

Nessuna sanzione è stata ritirata, anzi ne sono state annunciate delle nuove, ma le merci continueranno a passare nell’ottica di un libero mercato. Sanzioni sono state promesse anche alla Birmania mentre cresce un fronte unito nell’Est contro le “sanzioni illegittime”. Resta quindi ancora in piedi quella politica che ha caratterizzato diverse presidenze degli Usa e c’è il sospetto che la vera discontinuità sia sempre più sulla politica interna che estera.

Ai più attenti certo non sarà, però, sfuggito l’atteggiamento di Joe Biden rispetto alle questioni internazionali. Il Presidente è infatti molto meno aggressivo, parla molto meno di questioni internazionali rispetto al suo predecessore. Questo perché la sua comunicazione è meno aggressiva e sembra più equilibrata, insomma non va in conferenza stampa a sparare a zero od a dire ciò che gli passa per la mente. Cade sulle interviste, come quella famosa contro Putin, che però in pochissimi hanno davvero preso sul serio. La questione a distanza di pochi giorni sembrava già risolta, fino alle prossime sanzioni chiaramente. La cosa su cui concentrarsi è la fine della politica isolazionista che certo non aveva fatto bene agli affari.

Leggi anche: Pd, l’epurazione renziana alla fase 1. Letta: avanti le donne

L’Associazione Italiana Napoli Club 1972per i bambini dell’Ospedale

Parthenopei”, una trasmissione televisiva che racconta la storia della lingua

Share This:

Daniele Naddei

Giornalista iscritto all'ordine dei Giornalisti Pubblicisti della Campania da maggio 2014. Caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

No Banner to display

Cultura a Colori